Garrolino - Agostino Moschettino

Vai ai contenuti

Garrolino

Lavori
Garrolino
Amos, pescatore, e Gisetta sono due coniugi, molto avanti negli anni, che vivono con il dolore per aver perso in gioventù tre figli e per averne desiderato inutilmente un altro.
Un giorno, mentre pensoso raccoglie la legna che il mare ha riversato sull'arenile, Amos incontra la fata Arcania, che, sotto mentite spoglie, gli dona il seme di un fiore che, alla sua fioritura, si trasformerà in un bambino in carne e ossa.
I due vecchi eseguono alla lettera ciò che Arcania ha comandato ed ecco che un mattino si svegliano con in mezzo a loro un bel bambino che parla, si muove, capisce tutto ed è già in età scolare. Poiché è garrulo, lo chiamano Garrolino.
Con enormi sacrifici, i due mandano il figlio a scuola. Garrolino, però, non abituato, viene attratto da tutto ciò che accade in paese e, disubbidendo ai suoi genitori, si allontana da casa con grande dolore dei vecchi.
Il ragazzino dice sempre bugie e un giorno si accorge che ogni volta che ne dice una gli cresce la coda come a un asino.
Incontra un truffatore, Giaggiò Segugio, che gli ruba delle monete d'oro, che Garrolino ha sottratto alla mamma, che le teneva nascoste nel materasso.
Il ragazzo ne passa di tutti colori.
Legato come un cane in un'osteria, conosce Milla, una bella ragazza della sua età, che lo consola, l'aiuta e, alla fine. fa arrestare l'oste.
Tornato a casa, Garrolino la trova vuota. Messosi in cerca del padre, lo ritrova su di un isola, dove i cannibali vengono a svolgere i loro riti. Qui, aiutati dalla tartaruga Alina, riescono a fuggire e a far ritorno alla loro casa, dove…

Creato da Francesco Moschettino
Ultima Modifica 10 Aprile 2019
Torna ai contenuti