Dichiarazione Tardiva - Agostino Moschettino

Vai ai contenuti

Dichiarazione Tardiva

Lavori
DICHIARAZIONE…TARDIVA

Ll’unico ammore mio se chiamma Rosa,
nun è cchiù fresca comme a ‘na cerasa,
ma ten’a pella liscia e odorosa
e ancora ogge è calamit’è vase.

Quante ‘nce n’aggia fatta a ‘sta figliola!
Ma ogni vota essa ‘a perdunato.
E’ stata ferma e tosta comm’a mola
e chianu chiano essa m’’a cagnato.

Ero nu farfallone scapestrato,
currevo accà e a llà pe’ senza niente.
E essa a casa sempe rassignata,
crisceva e figlie e nun diceva niente.

Mo simme cinquantenne, stamm’allere!:
n’appicceca, nu riso e o jurne passa.
Nun succede maje cchiù, comm’er’ajere,
che l’armunia nosta se ne scassa.

Quanno sott’e coperte po’ m’a stregno,
pure sì ogge è assaje cchiù curpulenta,
je torno giuvinotto verde e sanguegno
e ancora fresca comm’ajere a senta…

A cosa cchiù bella ca essa m’’a rialato?
So quatte figlie,
uno cchiù bello è n’ato!

Creato da Francesco Moschettino
Ultima Modifica 10 Aprile 2019
Torna ai contenuti