A mancata elezzione - Agostino Moschettino

Vai ai contenuti

A mancata elezzione

Lavori
A  MANCATA  ELEZZIONA

“Mammà, a dint’a cascetta
so asciute tanta schede
cu tanta nomme ‘ncoppo.
O primmo nomme asciuto
è stato proprio o mio.
Pirciò, je me so ditto,
guagliò, datte coraggio:
è certo, mo sò eletto
cu unanimo suffraggio.
Sì o primmo è stat’o mio
o nomme c’’anna letto,
saje quanta schede mo
me vularranno eletto”.
Ma, doppo a chella vota,
o nomme cchiù n’è asciuto.
C’a cora mmiez’e cosce
addò mammà so juto
a chiagnere e dicenne
c’a ggente nun capisce
ca ll’unico capace
d’amminestrà song’je.
Mammà, cu na carezza,
me dà forte cunforte,
dicenne:” Figlio mio
nun te rammaricà;
a prossima elezziona
e vote radduppiate
vedimme a dint’all’urna.
T’’o giuro! ‘Nfra cinc’anne
te vutarraggio je pure!”

Creato da Francesco Moschettino
Ultima Modifica 10 Aprile 2019
Torna ai contenuti