'Nfacc'e ll'aste - Agostino Moschettino

Vai ai contenuti

'Nfacc'e ll'aste

Lavori
‘NFACC’’E  LASTE

‘Nfacc’’e laste appannat’è jalata
d’à fenesta da do sempe je ve spio
aggia scritto c’à mano, tremmanno:
“Rusenè: ata essere à mia!

Po’ ca cap’acalata, quase triste,
m’aggia miso cù scuorno a pensà
quante maje aggio avut’o curaggio
accussì chiaramente è parlà…

…Ma che zumpo c’à dato stu core
quanno à letto ‘nfaccia a lasta, addo vuje,
scritto gruosso, comm’a ‘nfaccia a nù muro:
“Austì, je voglio esser’a toja…”

Creato da Francesco Moschettino
Ultima Modifica 10 Aprile 2019
Torna ai contenuti